La tragedia di Genova, in Piemonte scatole nere per monitorare i ponti

 Sperimentazione sulla Torino-Caselle e il viadotto Marchetti.

Cavalcavia Torino-Caselle sotto monitoraggio strutturale sensori Sysdev

Con la tecnologia dell'Internet of Things si potranno evitare tragedie come quella del viadotto Morandi di Genova. Un futuro che è già presente per il ponte sulla Stura della Torino-Caselle, dove sono stati installati da Anas i sensori di Sysdev. Azienda innovativa che ha lanciato un sistema, basato su mini-sismografi connessi a una rete wireless e una piattaforma cloud, che consente di monitorare le infrastrutture a distanza.

Le scatole nere dei ponti servono a cancellare anche le psicosi come quella che ieri ha agitato i social dove diventata virale la foto di un pilone deteriorato dell'autostrada Torino-Savona, e ha costretto l'Autostrada dei Fiori, la società concessionaria, a diffondere una nota con la rassicurazione «Non vi sono situazioni che possano costituire pericolo per l'incolumità dei nostri clienti»

Leggi l'Articolo completo del Corriere della Sera Torino: